Skip to main content

AMPLIAMENTO: SEZIONE DI DIGESTIONE ANAEROBICA

Dati dell'impianto

Generali

  • Località:  Catania
  • Coord. UTM (Fuso 33S):
    505.850 E – 4.137.495 N
  • Superficie del lotto: 11,3 ha
  • Superficie impianto esistente: 36.000 m²
  • Superficie ampliamento: 66.700 m²
  • Periodo di costruzione impianto esistente: Aprile 2010 – Agosto 2012
  • Periodo di progettazione ampliamento: Giugno – Ottobre 2014
  • Incarico: Progettazione definitiva, Studio di Impatto Ambientale e A.I.A.
  • Importo dell’opera: 51.359.406,90 €
  • Tipologia: biostabilizzazione aerobica in tunnel aerati e Digestione anaerobica in tunnel

Trattamento

  • Produzione media di biogas da FORSU:
    5.844.000 m³/anno
  • Cogenerazione: n. 1 motore a combustione interna da 1.560 kWe e recupero di calore dai fumi di scarico (1.640 kWt)
  • Operazioni ai sensi degli all. B e C alla Parte Quarta del D.Lgs. 152/06 e s.m.i.: D8, D9, D13, D14, D15, R1, R3, R4, R5, R10
  • Nuova potenzialità:
    465.000 t/anno di sottovaglio
    75.000 t/anno di FORSU o sottovaglio
  • N. di tunnel anaerobici: 13, da 550 m³ ciascuno, destinati alla produzione di compost di qualità
  • N. di tunnel aerobici: 36, da 550 m³ ciascuno, di cui 13 dedicati alla stabilizzazione del digestato per la produzione di compost di qualità
  • Durata media dei processi:
    42 giorni per la digestione anaerobica di FORSU (più altri 48 giorni circa per la maturazione finale cel compost)
    ca. 21 giorni per la stabilizzazione del sottovaglio

(S0004)

Descrizione dell’impianto

Il progetto di ampliamento dell’impianto di biostabilizzazione aerobica (autorizzazione AIA rilasciata con DRS 1004/2009) nasce da due distinte necessità: i) quella di equilibrare i flussi di rifiuti da trattare nell’impianto con quelli provenienti dall’impianto di tritovagliatura (aut. A.I.A. D.R.S. n. 248 del 26/03/2009) che, con una potenzialità di 1.000.000 t/anno destina circa 450.000 t/anno alla biostabilizzazione aerobica; ii) quella di prevedere una nuova sezione di impianto destinata al trattamento  della frazione organica derivante dalla raccolta differenziata, con una potenzialità adeguata ai nuovi obiettivi previsti nel Piano di gestione dei rifiuti solidi urbani del Maggio 2012 (percentuale di raccolta differenziata pari al 65%). Il progetto, quindi, prevede la realizzazione di:

  • una nuova sezione per il trattamento aerobico di sottovaglio derivante da selezione meccanica con potenzialità massima di 150.000 t/anno, pari a circa 410 t/giorno (stabilizzazione in cumuli statici all’interno di n. 23 tunnel chiusi e sottoposti ad aerazione forzata), in modo da aumentare la attuale potenzialità da 315.000 a 465.000 t/anno;
  • una nuova sezione per la digestione anaerobica di FORSU derivante da raccolta differenziata con produzione di compost, con una potenzialità massima di 75.000 t/anno, circa 205 t/giorno (pretrattamenti meccanici, digestione anaerobica, all’interno di n. 13 tunnel chiusi, per la produzione di biogas da valorizzare all’interno di un cogeneratore da 1,5 MW e stabilizzazione ed essiccazione del materiale digestato, all’interno di n. 13 tunnel chiusi sottoposti ad aerazione forzata).